Vai al contenuto della pagina-Vai al menù di secondo livello  |  
.
  • home / 
  • activities / 
  • Restorations / 
  • IDEAL WORK SOSTIENE IL RESTAURO DELLO STEMMA DI COSIMO II DE MEDICI SULLA LOGGIA DEL GRANO FIRENZE




 

December 2015 - IDEAL WORK SOSTIENE IL RESTAURO DELLO STEMMA DI COSIMO II DE MEDICI SULLA LOGGIA DEL GRANO FIRENZE



December 2015

Dal Veneto a Firenze - L’azienda trevigiana di Vallà di Riese Pio X - leader nella realizzazione di pavimenti e rivestimenti personalizzabili – restituirà lo stemma del grande casato fiorentino alla città nel suo splendore originario. Dopo essere stata scelta per intervenire con i suoi prodotti innovativi e di qualità per alcune sale del primo museo italiano, Gli Uffizi di Firenze, la IDEAL WORK S.R.L. di Riese Pio X (Treviso) ha deciso di rafforzare il rapporto con la città d’arte sostenendo il restauro dello “Stemma di Cosimo II de Medici”, posto sopra l’arcata principale della Loggia del Grano a lato di Palazzo Vecchio. E’ la seconda collaborazione tra Ideal Work e Fondaco: dopo la positiva esperienza di Venezia con il restauro della ruota del pavimento nella prestigiosa Basilica di San Marco, l’azienda trevigiana s’impegna ora in questo importante progetto a Firenze, in uno dei luoghi più rappresentativi della cultura fiorentina e italiana in generale. Per l'occasione Ideal Work ha scelto Alessandro Gatto, illustratore e grafico umoristico di Castelfranco Veneto (già vincitore dell'Aydin Dogan International di Istanbul, considerata la più importante manifestazione mondiale per l'illustrazione umoristica), per vestire in un modo bello e spiritoso il cantiere ricevendo moltissimi apprezzamenti dai passanti!



 

Un legame - quello dell’azienda trevigiana con l’arte e la cultura – espressione di una particolare sensibilità in interventi di Corporate Social Responsability, ma anche di una vocazione artistica riflessa in una continua ricerca nell’innovazione del prodotto che l’ha portata ad operare con archistar di rilievo mondiale quali Oscar Niemayer, Tadao Ando e Zaha Hadid. Un filo rosso che collega il presente con il passato in un progetto virtuoso e di reciproco scambio capace di creare nuovi stimoli e forza ad una azienda che è conosciuta per la particolare qualità dei suoi prodotti e per il suo andamento positivo, in assoluta controtendenza rispetto ad un mercato che ha conosciuto una crisi profonda. Da prima azienda in Italia ad impiegare il cemento come materiale decorativo, Ideal Work è cresciuta sensibilmente in pochi anni, migliorando progressivamente il fatturato (dal 2012 +24%) oggi sfiora i 6 mln. di Euro e la marginalità. Oggi, grazie alle nuove commesse in Medio Oriente e Nord Africa, è presente con i propri progetti in più di 80 paesi nel mondo e la quota export è passata dal 20 al 50%.

“E’ con particolare soddisfazione che ci impegniamo in questo progetto nella città di Firenze che consideriamo una delle capitali internazionali della cultura - hanno affermato Luca Seminati e Maurizio Pontello, soci e fondatori di Ideal Work - e desideriamo innanzitutto ringraziare il Comune di Firenze, la Soprintendenza e Fondaco stessa per averne reso possibile la sua realizzazione. Un intervento nel salotto della città con uno dei suoi simboli che ci inorgoglisce particolarmente”. Lo stemma oggetto dell’intervento è, infatti, il più importante di quelli raffiguranti Cosimo II de Medici: è un’opera risalente agli inizi del diciassettesimo secolo attribuita a Chiarissimo Fancelli, collocata sulla sommità dell’arcata centrale della Loggia del Grano voluta appositamente dallo stesso Granduca come luogo di commercio del grano, che si trova nella centralissima via De’ Neri a pochi passi da Palazzo Vecchio. I lavori di restauro prenderanno il via con l’inizio del nuovo anno e termineranno nel corso del primo trimestre restituendo alla città lo stemma – oggi in un evidente stato di degrado – nella sua luce originaria. Durante lo stesso periodo, l’azienda ha manifestato l’intenzione di riprodurre una copia  dell’opera con la tecnologia laser rifinendolo quindi con i propri materiali – in una sorta di sintesi tra storia e innovazione – e a dimostrazione della loro particolare qualità e versatilità: la copia verrà poi donata al Comune di Firenze.

“Abbiamo accettato con piacere l’invito del Comune di Firenze a curare il restauro dello stemma” ha dichiarato Enrico Bressan fondatore di Fondaco, “e desidero evidenziare la particolare sensibilità dell’azienda Ideal Work nel cogliere al volo e condividere questo progetto. Siamo particolarmente orgogliosi che ad essere protagonista in un contesto internazionale come Firenze sia un’azienda veneta, fondata e gestita con grande capacità e lungimiranza da giovani imprenditori che hanno deciso di valorizzare il loro operato attraverso lo stretto legame con l’arte. E’ stato proprio grazie all’arte e alla cultura, infatti, che Firenze, così come Venezia, ha potuto consacrare nel mondo i valori del Rinascimento. Ed è con l’arte e la cultura che oggi, in un’epoca che per certi versi ci manda cupi segnali di involuzione, è ancora possibile preparare la strada a un nuovo Rinascimento che coinvolga anche imprese come Ideal Work, che fanno della conoscenza e dell’amore per il bello il faro della loro azione”. Quindi “Avanti a tutto spiano”, come ha simpaticamente sostenuto lo stesso Luca Seminati parafrasando lo “spiano” unità di misura del grano utilizzata proprio a quel tempo e lo stesso modo di dire utilizzato allora – e a maggiore ragione oggi - per esprimere quantità floride di prodotto.

 






 
 
Interface by LIBEROnline, powered by tommaso mascherin
traduzioni by Lexicon
Copyright © Fondaco S.r.l. - Palazzo Gradenigo - Santa Croce 764 - 30135 Venezia - tel +39 041 5242851 fax 041 7792403 - P.IVA 03875370268